IL PALAZZO

Costruito tra il 1732 e il 1737 per conto del barone Giacomo Girolamo de Brigido, su progetto dell’architetto udinese Giovanni Fusconi, venne eretto sulle fondamenta della casa paterna. Il barone, dedicatosi fin da giovane all’arte militare e capitano dei corazzieri, coprì successivamente anche le cariche di giudice e di rettore. Il palazzo ospitò nel 1785 il vescovo Franz Philipp von Inzaghi, il quale vi trasferì temporaneamente la propria residenza. Verso la fine del Settecento invece, diventò la residenza del conte Pompeo de Brigido di Bresowitz, governatore di Trieste dal 1782 al 1803. Durante questo periodo e più precisamente il 29 e il 30 aprile 1797, il conte ebbe l’onore di ospitare presso la sua dimora Napoleone Bonaparte, comandante in capo dell’Armata d’Italia, che in quei giorni si trovava di passaggio a Trieste. A ricordo di tale evento è stata infatti apposta una targa sulla facciata principale del palazzo.